Ciao a tutti!! Genitori, bambini, bambine e a tutti gli appassionati di filastrocche e rime.
Vi do il benvenuto con un mini racconto ideato insieme ad una bambina di otto anni, Viola di Roma.

È la storia di due simpatiche nuvolette alle prese con una piccola avventura.

I disegni sono di Viola, ma ne manca uno: quello della gente che fa la spesa al supermercato. Se vi va, provate a farlo disegnare ai vostri bambini e fatemelo vedere!!!!
Buon divertimento, buona lettura e buon ascolto.

Due nuvole al supermercato

Nei giorni di sole le nuvolette
erano in ferie nelle loro casette.
Potevan dormire, sognare e giocare
e lontano dal cielo dovevano stare
La nuvola Lilly, si annoiava ogni tanto
e un giorno si fece un gran bel pianto.
La consolò Beppe, il suo amico migliore,
le stava vicino e aveva un gran cuore
Cercò di trovare una soluzione:
propose a Lilly un’escursione.
“ Andiamo assieme a fare una gita,
Scendiamo sulla terra, vediamone la vita”.
Guardiamo gli umani e il loro operato,
facciamo la spesa al supermercato.”
Si mischiarono così tra la gente:
che atmosfera divertente!!
Scaffali, colori, frutta e verdura.
Tutti a comprare con tanta premura.
Poi alla fine arrivò un ladrone
Rubava i prodotti quel gran burlone.
Le due nuvolette vollero far qualcosa
Ed ebbero un’idea assai curiosa.
Inviarono pioggia sul pavimento
su cui era il ladro che cadde al momento.
La gente fu felice di questo aiuto,
Le nuvole son preziose, era risaputo.
La loro pioggia é necessaria,
Per render l’agricoltura bella e varia.
E anche in questa situazione strana,
La loro opera era stata ben sana.
Felici le nuvole tornarono in alto
Soddisfatte e fiere intonarono un bel canto.
Da quel giorno Lilly non si annoiò più
e volle rimanere sempre lassù
e quando sulla terra, pioveva in un solo posto
quella era Lilly che si di divertiva di nascosto.

(di Sabrina Di Secli – Due nuvole al supermercato – Tutti i diritti riservati)

Tags:

4 Responses

  1. Complimenti per la splendida filastrocca. I contenuti di queste rime ci fanno sognare e ritornare bambini 🙂

Rispondi a Gregorio Ciullo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti recenti